Stime perizie e consulenze

Sbiancamento dell'avorio

L'avorio è un materiale organico che con il tempo tente ad ingiallirsi. E' possibile portarlo a colorazioni piu chiare o a colorazione originale; molto dipende dalle condizioni di partenza dell'oggetto e dalla tipologia dell'oggetto stesso. Il materiale in questione viene trattato con sostanze sbiancanti non distruttive e viene sottoposto ad un processo di ripulitura molto lungo.

 

Tre pezzi in avorio appartenenti ad un braccialetto, il primo è stato sottoposto
al processo di sbiancamento presso il nostro laboratorio.

Leggi anche:

 

I Trattamenti su i corindoni

   
   

TRATTAMENTO DEI CORINDONI

ADDITIVI e ABBELLIMENTO degli ZAFFIRI e dei RUBINI

Per il trattamento termico del rubino e dello zaffiro vengono usati una varietà immensa di additivi chimici. Solitamente in Thailandia il personale addetto o meglio i chimici che si occupano di questi lavori sono gli stessi che si occupano   della chimica agricola.

Ovviamente non tutti utilizzano gli stessi agenti chimici o gli stessi metodi per cui sul mercato si trovano varie tipologie di trattamenti.

Il trattamento termico per l'abbellimento del corindone viene effettuato ad alte temperature (dai 1600°C ai 1800°C) in ambiente ossidante riducente. Questi trattamenti sono molto tossici per l'uomo e gli addetti ai lavori possono facilmente ammalarsi per i forti fumi tossici.

Leggi tutto: I Trattamenti su i corindoni

Zaffiri termodiffusi

fig: 1 fig: 2

Gli zaffiri termodiffusi hanno subito una alterazione del loro colore grazie ad un procedimento atto ad immettere elementi chimici all'interno del reticolo cristallino. l'elemto chimico aggiunto a questi zaffiti è il Titanio, il procedimento consiste nello scaldare in appositi forni fino alla temperatura di  1800°C gli zaffiri, predisponendoli alla diffusione del Titanio; questo si depositerà sulle pietre e penetrerà lentamente (un quarto di mm in 24 ore), il risultato sarà una bella gemma di un colore blu elettrico intenso. 

Leggi tutto: Zaffiri termodiffusi

L’oliatura per l’abbellimento delle gemme

Le gemme spesso vengono trattate con metodi vari e con elementi diversi a secondo del materiale di partenza e del risultato che si vuole ottenere, ma in questo documento parleremo soltanto di quei trattamenti che riguardano l’infiltrazione e l’impregnazione.

L’infiltrazione è il trattamento chimico più semplice, esso consiste nel far penetrare l’olio o altri liquidi oleosi dentro a piccole cavità o a fratture utilizzando in sottovuoto delle medie pressioni.

Il fine ultimo è quello di rendere le gemme omogenee e più trasparenti.

Per la realizzazione di questo processo vengono utilizzati degli oliatori che hanno al loro interno una camera contenete dell’olio; una volta inserita la pietra viene fatto scaldare l’olio (dai +5 ai +90°C) e viene messo in funzione il generatore di sottovuoto (~5 bar). I liquidi più utilizzati sono: olio di cedro, olio di granoturco, di palma, d’oliva, olio minerale, olio di tung (legno della Cina), balsamo del Canada (olio di cedro). Si tratta di liquidi incolori. Se ad essi viene aggiunto del colorante, il trattamento non è più considerato infiltrazione o oliatura ma colorazione artificiale.

Leggi tutto: L’oliatura per l’abbellimento delle gemme